Pescasseroli (AQ) e il capodanno

Pescasseroli (AQ) e il capodanno selvaggio

Pescasseroli (AQ) organizza un capodanno molto singolare. All’insegna delle emozioni che solo la montagna può trasmettere, con i suoi paesaggi mozzafiato ed esclusivi. Dove, solo le escursioni possono ricreare questa grande suggestione.

Il capodanno selvaggio, così denominato dalla stessa organizzazione offrirà nelle giornate dal 29 dic 2019 al 2 gen 2020, un momento unico nel suo genere.

La magia della montagna innevata, rende ancora più mistico l’evento che conclude ciclicamente ogni anno. Inoltre a fare da corolla a quest’atmosfera ascetica e sugggestiva, la possibilità di vedere la natura nella sua magnificenza.

Lupi, cervi ed altri animali del bosco fanno da padroni in questa trepidante visione.

Pescasseroli (AQ) e il capodanno selvaggio: tra storia e tradizione

Cinque giorni  da trascorrere nel cuore dell’area protetta più antica e famosa d’Italia. Luogo dove la natura si fonde con la vegetazione altalenante tra borghi ricchi di storia e cultura.

Un Capodanno 2019/20 a contatto con il paesaggio, dove si riscoprono ritmi di vita più vicini al proprio equilibrio.

Accoccolarsi davanti al camino, assaporando la quiete silenziosa della montagna. Sedersi a tavola tutti insieme raccontando storie e riecheggiando il passato.

Tenere tra le mani, una tisana di rosa canina o un buon Montepulciano, mentre ci si riscalda dal freddo invernale, condividendo esperienze.

Qui, nel cuore pulsante dell’Appennino, l’Abruzzo ci mostra una terra ricca di sorprese e di forti legami con la natura. Il luogo per eccellenza dove si rivivono letteralmente le simbiosi del passato.

Per tutti coloro che vogliono partecipare a questo straordinario evento, suggeriamo di consultare il programma sulla pagina Facebook Wildlife Adventures, soprattutto perchè la stessa, offrirà tantissimi altri suggerimenti per trascorrere giornate indimenticabili.

Per informazioni, inoltre, si consiglia di chiamare il numero ☎ 339.8395335 o inviare una e-mail a: info@wildlifeadventures.it.

In aggiunta è possibile consultare il sito ufficiale di Wildlife Adventures.

Se siete appassionati di escursioni, benessere e contatto con la natura, non perdete quest’occasione.

La foto in evidenza appartiene alla pagina Facebook Wildlife Adventures.


 

A dicembre doppio appuntamento con il Tartufo.

Commenta:

Autore dell'articolo: Stefania Di Francescantonio

Stefania, nasce nel lontano 1978. Da sempre è una persona poliedrica, che nella sua vita si è occupata di diverse cose. E’ riuscita a coltivare più hobby contemporaneamente. Uno di questi, ad esempio è la passione per i fumetti che, tra l’altro, l'hanno introdotta al mondo dell'arte e della pittura, lasciandole privilegiare il settore umanistico. Tra questi, spicca la passione per la scrittura e per la poesia, iniziata già in tenera età, tra racconti vari e piccole citazioni che accumulava su pagine e pagine di quaderni, anche quando era poco più che bambina. Dinamica come una valchiria, ha da sempre capacità da Leadership, per la sua intraprendenza e la formazione lavorativa che già in passato l’ha vista amministratore di un’azienda. Quindi, oltre a essere eclettica ha da sempre reso duplice la sua personalità che è caratterizzata da una sensibilità innata, tipica degli artisti e, “diciamo” degli scrittori; ma al tempo stesso, di quel lucido raziocinio che, se vogliamo, converte anche in quel cinismo che caratterizza le persone calcolatrici. Da sempre è appassionata di lettura e di letteratura, che fanno emergere in lei l’interesse più profondo verso piccoli racconti, a volte macabri o dell'orrore, svelando una vena giallista che sfocia in un’ironia quasi contemplativa. Altre volte, con tematiche più attuali, o più intimistiche che hanno fatto subire a questi suoi interessi, un'evoluzione che l'hanno portata a scrivere, attualmente, anche di tecnologia, scienza, medicina e, nello specifico anche di cucina (essendo appassionata). Il connubio fra l’esperienza e, un congenito fattore pragmatico, sono l’essenza stessa della sua realtà, un’apoteosi incontrovertibile. Per la biografia si ringrazia M.M.