In Abruzzo

In Abruzzo a scuola di natura tra grotte e oasi

La nostra regione offre un percorso naturalistico vario. Si parte dalle le grotte di Stiffe, passando poi al lago Sinizzo, ed infine fermarsi nell’oasi di Fontecchio. Alla scoperta dei fenomeni carsici e delle abitudini degli animali selvatici In abruzzo.

Grotte di Stiffe: un fiume sotterraneo in Abruzzo

A Stiffe c’è un fiume sotterraneo che scava la roccia da millenni e costruisce stalattiti e stalagmiti dalle forme fantastiche. È uno scenario spettacolare, un percorso naturalistico scavato dall’acqua nella montagna, proprio a quindici chilometri da L’Aquila. Le grotte sono uniche in Abruzzo e in Italia, un punto in cui un fiume torna in superficie dopo aver percorso un tratto sotterraneo. Infatti il Rio Gamberale nasce nell’Altopiano delle Rocche e percorre un lungo tratto sotterraneo, poi scende a Stiffe (Frazione di San Demetrio Nei Vestini). Il tratto delle grotte che si può visitare è lungo 700 metri e la visita dura circa un’ora. È disponibile una guida specializzata che spiega la storia delle grotte e i suoi fenomeni carsici. Le sale sono cinque: la Sala del Silenzio, la Sala delle Concrezioni, la Sala della Cascata, il Lago Nero, fino all’ultima potente cascata. Per info e prenotazioni qui.

Lago Sinizzo e Oasi di Fontecchio

In Abruzzo

È ideale unire alla visita delle grotte quella dell’Oasi di Fontecchio, nell’omonimo borgo inserito nella lista dei più belli d’Italia. Nello stesso Comune di San Demetrio è possibile visitare il Lago Sinizzo, sempre di origine carsica. L’Oasi è situata in un’ex conceria medievale, all’interno del Parco regionale del Sirente Velino, inoltre è disponibile l’area pic-nic. Sono a disposizione guide naturalistiche per spiegare tutte le curiosità che riguardano gli animali selvatici presenti nel territorio. Nell’Oasi oltre alle visite guidate si effettuano anche laboratori, sia per i singoli visitatori sia per le scolaresche. All’interno sono presenti caprioli, gufi e rapaci. Per info: tel. 328/7174225. Oppure in alternativa andate alla pagina facebook: https://www.facebook.com/groups/oasifontecchio/?ref=group_header

Commenta:

Autore dell'articolo: Mirko Di Leonardo