PASSOLANCIANO

PASSOLANCIANO, FEBBO: approvata delibera

PASSOLANCIANO, FEBBO: approvata delibera dalla Giunta Marsilio; definisce la nuova programmazione per la progettazione definitiva.

L’iter per prolungare la seggiovia Passolanciano-Mammarosa in partenza.

PASSOLANCIANO, FEBBO: parla l’assessore Regionale

L’Aquila, 10 gennaio 2020. L’assessore regionale alle Attività Produttive e Turismo della Regione Abruzzo comunica:

Fonte Immagine Pagina Ufficiale Facebook – Febbo.

 

Avanti spediti, nel portare avanti gli interventi sulle infrastrutture funzionali; alla valorizzazione turistica delle stazioni invernali Passolanciano – Majelletta. Attraverso una specifica rimodulazione delle opere per una spesa complessiva di 20 milioni e 200 mila euro, fondi Cipe”.

 

 

Così, Mauro Febbo specifica i suoi obiettivi aggiungendo:

Giovedi la Giunta regionale, presieduta da Marco Marsilio ha approvato la proposta di  rimodulazione degli interventi pianificati. Al fine di realizzare il prolungamento dell’impianto della Seggiovia fino alla stazione di Mammarosa; portandolo ad una lunghezza inclinata complessiva di circa 2.200, anziché 1.100 metri, previsti nell’iniziale programmazione. Questa nuova soluzione consente di collegare la stazione sciistica di Passolanciano con quella di Mammarosa; anche senza le due sciovie Mirastelle e Lenette; rispetto alle quali l’Ente Parco aveva espresso forti  perplessità”.

Continua

 E’ stata individuata anche una nuova soluzione per l’impianto di innevamento, che sarà ora ubicato nell’area bassa di Passolanciano. E vedrà la realizzazione di un piccolo bacino di accumulo idrico superficiale inserito in un’area verde attrezzata anche per i più piccoli.

In estate il piccolo bacino di accumulo, oltre ad assicurare una riserva di acqua utilizzabile come antincendio, potrà diventare, il luogo di partenza per attività come trekking, biking, escursionismo;insieme all’area verde attrezzata. O dove, semplicemente, potranno godersi la montagna famiglie e bambini. In inverno, invece, la piccola riserva di acqua potrà essere utilizzata per produrre neve artificiale nelle piste da sci della parte bassa del comprensorio sciistico. Interventi mirati esclusivamente ad allungare la presenza dei turisti oltre le stagione invernale ed estiva.

 L’area interessata dagli interventi ricade nel Parco Nazionale della Majella; ed è anche ricompresa in siti di interesse comunitario e zone di protezione speciale. Per cui chiederemo ai progettisti di porre la massima attenzione al rispetto dei vincoli ambientali e naturalistici delle aree. In accordo con gli Enti preposti alla loro tutela.

 L’ARAP Abruzzo, soggetto attuatore degli interventi sulle infrastrutture funzionali; alla valorizzazione turistica delle Stazioni invernali Passolanciano – Majelletta, dovrà  realizzare sei interventi. Ossia la Seggiovia ad ammorsamento automatico, per euro 8.160.000,00. L’impianto di innevamento, per euro 7.300.000; il sistema skipass, per euro 1.160.000. Il Recupero dell’edificio polivalente, per euro 1.480.000, il miglioramento della viabilità e parcheggi, per euro 1.250.000. E la valorizzazione turistica del comprensorio, per euro 850.000. Pertanto, adesso è possibile chiudere la fase di progettazione. E pubblicare i bandi di gara dei primi due interventi di demolizione e ricostruzione dell’edificio polivalente; e di miglioramento della viabilità, da appaltare entro questa estate”.

In aggiunta

“Gli altri interventi, che richiedono procedure autorizzative più complesse, saranno appaltati entro l’estate dell’anno prossimo. In questi mesi questo assessorato ha lavorato insieme a Comunità locali, sindaci, Parco Nazionale della Majella, stazione appaltante e progettisti al fine di impegnare velocemente i 20milioni di euro, perché è importante ottenere fondi, ma è ancora più importante spenderli per non perderli”.

“Passo Lanciano, deve diventare una delle migliori stazioni sciistiche del centro-sud; con scuole sci di eccellenza, perché ne ha le potenzialità. Si lavora per far assumere alle nostre stazioni sciistiche un ruolo di profilo anche europeo. Potendo attrarre un’utenza che proviene da Lazio, Campania, Puglia e da tutto il centro sud. Nelle prossime settimane partirà la campagna promozionale per il rilancio del turismo a livello nazionale; e, in particolare, in queste specifiche regioni”.

Commenta:

Autore dell'articolo: Stefania Di Francescantonio

Stefania, nasce nel lontano 1978. Da sempre è una persona poliedrica, che nella sua vita si è occupata di diverse cose. E’ riuscita a coltivare più hobby contemporaneamente. Uno di questi, ad esempio è la passione per i fumetti che, tra l’altro, l'hanno introdotta al mondo dell'arte e della pittura, lasciandole privilegiare il settore umanistico. Tra questi, spicca la passione per la scrittura e per la poesia, iniziata già in tenera età, tra racconti vari e piccole citazioni che accumulava su pagine e pagine di quaderni, anche quando era poco più che bambina. Dinamica come una valchiria, ha da sempre capacità da Leadership, per la sua intraprendenza e la formazione lavorativa che già in passato l’ha vista amministratore di un’azienda. Quindi, oltre a essere eclettica ha da sempre reso duplice la sua personalità che è caratterizzata da una sensibilità innata, tipica degli artisti e, “diciamo” degli scrittori; ma al tempo stesso, di quel lucido raziocinio che, se vogliamo, converte anche in quel cinismo che caratterizza le persone calcolatrici. Da sempre è appassionata di lettura e di letteratura, che fanno emergere in lei l’interesse più profondo verso piccoli racconti, a volte macabri o dell'orrore, svelando una vena giallista che sfocia in un’ironia quasi contemplativa. Altre volte, con tematiche più attuali, o più intimistiche che hanno fatto subire a questi suoi interessi, un'evoluzione che l'hanno portata a scrivere, attualmente, anche di tecnologia, scienza, medicina e, nello specifico anche di cucina (essendo appassionata). Il connubio fra l’esperienza e, un congenito fattore pragmatico, sono l’essenza stessa della sua realtà, un’apoteosi incontrovertibile. Per la biografia si ringrazia M.M.