Parkinson

Parkinson: nasce a CHIETI il primo corso dedicato

CHIETI 19 febbraio 2020. Negli ultimi anni una crescente mole di evidenze scientifiche ha rivelato quanto sia cruciale, per le persone colpite dalla malattia di Parkinson, impegnarsi in una consistente attività motoria. E quanto, invece, uno stile di vita sedentario possa essere deleterio; esacerbando e accelerando l’evoluzione della malattia.

Tale consapevolezza ha portato, prevalentemente negli Stati Uniti, alla nascita di una pluralità d’iniziative sportive; qui l’esercizio fisico, opportunamente adattato, si è imposto come un’irrinunciabile scelta nell’approccio terapeutico al Parkinson.

Il desiderio di poter offrire tale possibilità anche in Abruzzo, e inizialmente nell’area di Chieti Pescara, ha quindi portato alla nascita, in fase pilota, del primo corso di “movimento per il Parkinson”.

Parkinson: nasce a CHIETI il primo corso di “movimento”

            Il corso, basato sulle più recenti evidenze scientifiche; prevede sessioni di allenamento in palestra. In cui ci sono specifici “movimenti” funzionali, abbinati a sequenze motorie tratte da discipline convenzionali. Come ad esempio il pugilato, la danza o lo yoga, strutturati per adattarsi alle peculiarità del Parkinson; ed ancora per migliorarne la sintomatologia.

Una particolare attenzione sarà inoltre dedicata all’esercizio fisico-cognitivo. Aspetto molto importante perchè ha mostrato di avvantaggiare sensibilmente i pazienti nella deambulazione. Ma soprattutto, negli episodi di freezing. È utile inoltre ricordare come l’esercizio fisico sia non solo efficace nel miglioramento della sintomatologia del Parkinson; ma anche potenzialmente in grado di rallentarne la progressione.

Il corso sarà tenuto da personale qualificato presso la struttura Paladanze Teate, in via Filippo Masci 137, Chieti; avrà inizialmente una frequenza bisettimanale, fissata nelle giornate di martedì e giovedì a partire dal 10 marzo; il costo mensile sarà di € 40.

È possibile consultare la pagina Facebook “Movimento per il Parkinson” per eventuali aggiornamenti sull’organizzazione del corso e per ogni ulteriore informazione.

Commenta:

Autore dell'articolo: Redazione