Il comune di Arsita presenta: “Una Valle che legge”

L’Associazione Altofino, con il patrocinio del Comune di Arsita, dei Comuni della Valfino e dell’Istituto Comprensivo “Valle del Fino” organizza la seconda edizione della rassegna letteraria “Una Valle che legge” con importanti autori del panorama regionale e nazionale.

Pescara – 11 gennaio 2020. Come da premessa, il comune di Arsita organizza altre due date, precedute da due appuntamenti (novembre e dicembre 2019) all’insegna della lettura.

Le prime due date, lo ricordiamo, hanno permesso l’incontro con Roberta Scorranese e Angelo Panzone; e poi con Fabio Bacà e Lina Ranalli.

La straordinaria collaborazione, permetterà in altri due incontri, di assistere ancora all’esaltazione più pura della retrospettiva letteraria.

Attraverso il luogo e la voce delle narrazioni, la rassegna intende offrire alla comunità intervenuta una riflessione intorno ad alcuni nuclei tematici che variano mensilmente e che riguardano l’uomo ed il suo essere nel mondo.

La manifestazione intende promuovere il libro come compagno di viaggio, strumento di incontro, di riflessione comune, di socialità e occasione di conoscenza.

La seconda edizione di “Una valle che legge” si svolge ad Arsita. Iniziata da novembre 2019, terminerà a febbraio 2020, con incontri mensili, liberi e gratuiti.

Il Programma della rassegna:

31 gennaio 2020 – Paolo Di Stefano e Gianfranco Spitilli

7 febbraio 2020 – Dacia Maraini

Presentazione a cura dalla giornalista Evelina Frisa.

Commenta:

Autore dell'articolo: Stefania Di Francescantonio

Stefania, nasce nel lontano 1978. Da sempre è una persona poliedrica, che nella sua vita si è occupata di diverse cose. E’ riuscita a coltivare più hobby contemporaneamente. Uno di questi, ad esempio è la passione per i fumetti che, tra l’altro, l'hanno introdotta al mondo dell'arte e della pittura, lasciandole privilegiare il settore umanistico. Tra questi, spicca la passione per la scrittura e per la poesia, iniziata già in tenera età, tra racconti vari e piccole citazioni che accumulava su pagine e pagine di quaderni, anche quando era poco più che bambina. Dinamica come una valchiria, ha da sempre capacità da Leadership, per la sua intraprendenza e la formazione lavorativa che già in passato l’ha vista amministratore di un’azienda. Quindi, oltre a essere eclettica ha da sempre reso duplice la sua personalità che è caratterizzata da una sensibilità innata, tipica degli artisti e, “diciamo” degli scrittori; ma al tempo stesso, di quel lucido raziocinio che, se vogliamo, converte anche in quel cinismo che caratterizza le persone calcolatrici. Da sempre è appassionata di lettura e di letteratura, che fanno emergere in lei l’interesse più profondo verso piccoli racconti, a volte macabri o dell'orrore, svelando una vena giallista che sfocia in un’ironia quasi contemplativa. Altre volte, con tematiche più attuali, o più intimistiche che hanno fatto subire a questi suoi interessi, un'evoluzione che l'hanno portata a scrivere, attualmente, anche di tecnologia, scienza, medicina e, nello specifico anche di cucina (essendo appassionata). Il connubio fra l’esperienza e, un congenito fattore pragmatico, sono l’essenza stessa della sua realtà, un’apoteosi incontrovertibile. Per la biografia si ringrazia M.M.