scott henderson foto

Scott Henderson e la sua chitarra al Teatro Sirena

Francavilla al MareScott Henderson e la sua chitarra al Teatro Sirena diretto da Davide Cavuti

Il jazzista americano a Francavilla per l’unica data abruzzese del suo tour italiano.

Sarà il chitarrista statunitense Scott Henderson il protagonista dell’ultimo concerto della “Sezione Musica” stasera alle ore 21 per la “Stagione teatrale” del “Palazzo Sirena” di Francavilla al Mare, diretta dal maestro Davide Cavuti.

Ennesimo sold-out dopo Fabrizio Bosso, Roberto Gatto, Daniele Sepe e il concerto di Uto Ughi e i “tutto esaurito” realizzati con gli spettacoli teatrali con Edoardo Leo, Luca Argentero.

Un altro appuntamento di grande prestigio al Teatro Sirena con uno dei più grandi musicisti del panorama internazionale a sugello di una stagione artistica di grandi concerti, molto seguita dal pubblico e dagli addetti ai lavori.

Quella di “Palazzo Sirena” sarà l’unica data in esclusiva che il maestro Scott Henderson terrà in Abruzzo e per l’occasione si esibirà con il suo Trio internazionale composto da Romain Labaye e Archibald Ligonnière.

Nel pomeriggio del 4 aprile, a partire dalle ore 15.30, è in programma anche una “Masterclass”  che il Maestro Henderson rivolgerà ad una classe limitata di studenti e docenti.

E’ possibile iscriversi fino alle ore 15 di oggi prenotando telefonicamente al Foyer del Teatro Sirena.

Scott Henderson – la carriera

Scott Henderson è uno dei più importanti chitarristi al mondo.

Terminati gli studi alla Florida Atlantic University, a Los Angeles ha suonato e registrato con Chick Corea’s Elektric Band, con il violinista Jean-Luc Ponty, con il bassista Jeff Berlin e i “Players” e con i “Weather Report’s Joe Zawinul”.

Henderson ha formato il gruppo “Tribal Tech” in 1984 con il bassista Gary Willis.

Nel 1991, è stato nominato dal Guitar World come il “#1 Jazz Guitarist” e nel  gennaio 1992 nel Guitar Player’s Annual Reader’s Poll, è stato nominato il miglior chitarrista Jazz.

Il suo disco “Dog Party” ha vinto il premio come miglior “blues album” del 1994 da “Guitar Player”.

Il suo stile si forma sulle note di Jimmy Page, Jeff Beck, Jimi Hendrix, Ritchie Blackmore, Albert King e Buddy Guy. Tuttavia la strada che intraprende nello studio del jazz e delle sue possibilità espressive lo portano a maturare un linguaggio personalissimo.

Il concerto di Palazzo Sirena vedrà Romain Labaye al basso e Archibald Ligonnière alla batteria: ciò che risalta nelle composizioni di un guitar hero come Henderson è la straordinaria conoscenza dell’armonia jazzistica che gli consente di influenzare e ampliare anche la più basilare traccia hard-rock rifuggendo l’appiattimento su modelli stabiliti e garantendogli la possibilità di declinare ai più alti livelli, sempre supportato da una sezione ritmica di grande valore, la formula musicale del trio.

Forse può interessarti anche:

Nick the Nightfly, Max Ionata e Javier Girotto per la nuova stagione jazz del Kabala

Commenta:
 

Autore dell'articolo: Redazione