Buyers da Usa, Canada e Cina incontrano le cantine abruzzesi

ORTONA – 48 cantine abruzzesi presenteranno le proprie etichette a buyers stranieri nell’ambito del programma di promozione Paesi Terzi (Ocm), promosso dal Consorzio Tutela Vini d’Abruzzo. Da martedì 23 a giovedì 25 ottobre le sale dell’Enoteca Regionale d’Abruzzo di Ortona faranno da palcoscenico all’incontro internazionale tra mercati stranieri e aziende abruzzesi.

Si tratta di una nuova importante iniziativa di promozione del vino abruzzese sui mercati internazionali, dopo che il mese scorso il Consorzio Tutela Vini d’Abruzzo e le cantine regionali hanno suscitato interesse nel loro tour nordamericano.

La manifestazione di questa settimana in questo senso rappresenta un’ulteriore occasione per incontrare i buyers provenienti da Stati Uniti e Canada, ma anche dalla Cina, mercati di riferimento per il vino abruzzese e allo stesso tempo in forte espansione e sui quali i vini regionali possono dire molto in termini di qualità di prodotti.

L’azione di promozione del Consorzio ha infatti il doppio obiettivo di rafforzare l’export e proseguire nell’azione di penetrazione nei mercati stranieri. L’evento, organizzato dal Consorzio Tutela Vini d’Abruzzo, si articola in tre giornate caratterizzate da incontri individuali B2B e da visite in cantina e alla scoperta della Regione.

«Dopo gli incoming di maggio e giugno e il nostro tour nordamericano, il Consorzio aggiunge un ulteriore tassello al progetto di promozione messo in campo nel 2018, accompagnando le aziende in deciso percorso d’internazionalizzazione, e anticipa i workshop che il Consorzio ha in programma in Asia a partire dal prossimo mese di novembre», sottolinea il presidente Valentino Di Campli. «L’obiettivo è quello di far conoscere sempre di più con mano agli operatori le tante peculiarità che questa Regione è in grado di offrire. Un’azione resa possibile con il contributo fondamentale di tutte le aziende aderenti che hanno saputo raccontare l’Abruzzo in tutte le sue declinazioni».

Commenta:
 

Autore dell'articolo: Redazione