“Io So Chi Sei”: presentazione il 6 settembre in spiaggia

Giovedì 6 settembre alle 18:30, presentazione di “Io So Chi Sei“, Piemme Editore di e con Paola Barbato (modera Federica Vicino, insegnante e autrice teatrale) presso Moroni a mare – spiaggia libera attrezzata Arci Pescara – Viale della Riviera altezza Via L.Muzii a Pescara.

“Io so chi sei” è il primo episodio di una trilogia che vi condurrà, un passo dopo l’altro, in una spirale di angoscia.

Il libro

Un cellulare finito per sbaglio tra la posta.
Due messaggi in rapida successione: «Sai chi sono? – Io so chi sei». Da questo momento la tua vita non ti appartiene più.
Sono passati solo due anni, e di tutto ciò che è stata non è rimasto nulla.
Lena era brillante, determinata, brava a detta di tutti, curata, buona. Poi nella sua vita era entrato Saverio, e tutto era stato stravolto.

Quel ragazzo più giovane, che viveva per essere contro qualsiasi regola, pregiudizio, conformità, l’aveva trasformata. E non erano solo i vestiti, i capelli, le parole.

Era lei, le sue sicurezze, il suo amor proprio. Tutto calpestato in nome di un amore che agli occhi di tutti gli altri era solo nella sua testa. Il giorno in cui lui era finito in Arno, dato per disperso prima e per morto poi, qualcosa in Lena si era spento definitivamente.
Sono passati due anni, e di Saverio le resta il cane Argo, che ancora la vive come un’usurpatrice, e un senso di vuoto dolente e indistruttibile.

La sera in cui trova nella cassetta della posta un cellulare, Lena pensa che si tratti di uno scherzo, oppure di uno sbaglio.

Ma bastano pochi minuti per rendersi conto che quell’oggetto può cambiare la sua vita. Perché i messaggi che arrivano, e a cui lei non può rispondere, parlano di cose che solo Saverio può sapere.

E quindi è vivo. È tornato.

Così, senza che Lena se ne accorga, quell’oggetto diventa l’unica linfa vitale a cui abbeverarsi, e non importa che i messaggi siano sempre più impositivi e le ordinino di commettere atti di cui mai si sarebbe pensata capace.

Perché se lei farà la brava, lui rientrerà nella sua vita.

O questo è ciò che pensa. Almeno fino a quando le persone che le stanno intorno cominciano a morire.

E il gioco si fa sempre più crudele. E la prossima vittima prescelta potrebbe essere lei.
Paola Barbato, in una corsa contro il tempo, ci porta nell’abisso della mente umana, dove paure, passioni e ossessioni si legano inestricabilmente e, a volte, ci stritolano.

L’autrice

Classe 1971, milanese di nascita, bresciana d’adozione, prestata a Verona dove vive con il compagno, tre figlie e tre cani. Scrittrice e sceneggiatrice di fumetti, l’esordio è nel 1999 sulla serie “Dylan Dog” della Sergio Bonelli Editore. Ha pubblicato tre romanzi thriller per la Rizzoli, “Bilico” (2006), “Mani nude” (2008, vincitore del Premio Scerbanenco), “Il filo rosso” (2010).

Nel 2008 è uscito, sempre per la Sergio Bonelli Editore, nella collana Romanzi a fumetti Bonelli, “Sighma”, disegnato da Stefano Casini e nel 2012 “Darwin” su soggetto di Luigi Piccatto.

Ha scritto il soggetto e co-sceneggiato per la Filmmaster la fiction “Nel nome del male” con Fabrizio Bentivoglio per la regia di Alex Infascelli, trasmessa da Sky nel 2009.

A novembre 2011 è stato messo online il suo webcomic “DAVVERO”, poi pubblicato dalla Star Comics nella versione cartacea fino al n°4 (gli ultimi due numeri dalle Edizioni Arcadia).

Dal 2012 collabora anche alla collana “Le Storie” sempre per la Sergio Bonelli Editore.

Nel 2015 è uscito l’e-book di “Intermittenze”, la raccolta di racconti inedita grazie alla quale è entrata nello staff di Dylan Dog.

Segue nel 2016 ha firmato con Corrado Roi la miniserie “Ut” per la Sergio Bonelli Editore e con Roberto Recchioni la miniserie “Juric”.

Lo stesso anno a settembre ha pubblicato su Wattpad il romanzo “Non ti faccio niente” che è stato poi pubblicato da Piemme nel mese di giugno 2017, mentre in Francia usciva per Denoël il romanzo inedito “Bon à tuer”.

Sempre per Piemme è uscito nel 2018 il suo sesto romanzo, primo di una trilogia, “Io so chi sei”.

Commenta:
 

Autore dell'articolo: Redazione