Fabrizio Moro sabato 18 agosto al Teatro D’Annunzio di Pescara

PESCARA – Dopo il successo della festa della musica di Fabrizio Moro, che lo ha visto protagonista il 16 giugno allo Stadio Olimpico di Roma, è partito il tour estivo che farà tappa al Teatro D’Annunzio di Pescara per le 21:15 di sabato 18 agosto. Concerto organizzato dall’Elite Agency Group nell’ambito del PeFest, la 66a stagione artistica dell’Ente Manifestazioni Pescaresi che proprio con Moro chiuderà l’edizione 2018.

I pochi biglietti rimasti sono disponibili sui circuiti TicketOne.it CiaoTickets.com: poltronissima numerata 38 euro – poltrona numerata 35 euro – gradinata non numerata 28 euro (diritti di prevendita inclusi). Eventuali ultimi biglietti saranno in vendita la sera del concerto al botteghino del Teatro D’Annunzio dalle ore 20.

Info: 0871.685020, www.elitegroup.it.

Nel corso del tour Fabrizio è accompagnato live da Claudio Junior Bielli (Pianoforte, Tastiere e Programmazioni), Roberto Maccaroni (chitarra e cori), Danilo Molinari (chitarra), Alessandro Inolti (batteria) e Andrea Ra (basso e cori).

Cantautore, chitarrista e musicista italiano, Fabrizio Moro ha alle spalle una ventennale carriera, cominciata nel 1996, con all’attivo, oltre al nuovo progetto “Parole rumori e anni”, 8 album in studio. L’edizione 2018 del Festival di Sanremo, lo ha visto vincitore nella categoria Campioni insieme a Ermal Meta con il brano “Non mi avete fatto niente”, il brano è stato certificato platino. Fabrizio Moro ha da poco collaborato con Ultimo per la realizzazione del suo nuovo singolo “L’eternità (Il mio quartiere)“, una rielaborazione di un brano del cantautore, originariamente contenuto all’interno dell’album del 2013 “L’inizio“, arricchito da alcuni versi rappati da Ultimo, in radio da poche settimane. In coppia con Ermal Meta, Fabrizio Moro ha partecipato all’Eurovision Song Contest 2018 portando in gara il brano sanremese e conquistando il 5° posto.

Nel corso degli anni, diversi brani dell’artista sono stati utilizzati come spot pubblicitari e documentari e come colonne sonore per campagne sociali, serie e programmi TV.

Commenta:
 

Autore dell'articolo: Redazione