Torna dopo 20 anni “L’Antico e il Mare”, fiera dell’antiquariato di qualità e collezionismo

PESCARA – Estatica si prepara per un grande e atteso ritorno: dopo una lunghissima pausa, di 20 anni tondi, il pubblico potrà visitare nuovamente “L’Antico e il Mare”, fiera dell’antiquariato di qualità e collezionismo. Queste le date: 13, 14 e 15 agosto.

Ingresso libero dalle 16 alle 24 (la mattina, a partire dalle 10, è riservata agli operatori ma alcuni stand saranno aperti anche al pubblico). Appuntamento dunque al porto turistico Marina di Pescara – nell’area antistante al padiglione Becci – con quello che si chiamava il “Trovarobe” (e la cui ultima edizione risale al 1998).

Non si tratta di un semplice mercatino, ma di una selezione di oggetti importanti, pezzi unici, fontane alte 4 metri, anfore in terracotta, sete indiane, specchi, divani, quadri di strade capitoline affascinanti come via Margutta… Gli espositori – circa 30 – arrivano da tutta Italia, sarà presente in loco anche la restauratrice Fiadone di Pescara.

“Il pubblico – aggiunge il responsabile organizzativo Maurizio Milardi – potrà trovare creme per il corpo, idratanti e curative, alcune a base di Bava di lumaca. Un angolo sarà dedicato al vintage e alle borse artigianali di pelle stampata, e un altro alla lavanda in ogni sua forma, dai saponi ai profumatori agli oli essenziali. Ce n’è davvero per tutti i gusti”.

E non manca una chicca riservata ai più piccoli che potranno essere “mercanti per un giorno”. L’appuntamento con il Mercatino dei bambini è fissato al 14 e 15 pomeriggio – dalle 16 alle 21 circa – quando i minori registrati potranno vendere i propri giocattoli: un vecchio triciclo, una bambola, un pallone… La partecipazione è gratuita ma occorre compilare l’apposito modulo, in distribuzione nelle attività commerciali della piazzetta del porto turistico.

“Esattamente 20 anni fa – dichiara Milardi – avevamo realizzato a Pescara una mini città con la piazza degli antiquari, lo spazio per le gioie e le gallerie d’arte, l’area degli artigiani. Arrivammo a 20.000 presenze. Con questo importante ritorno, oggi, ci aspettiamo che il pubblico ripaghi gli sforzi con la giusta curiosità, qualità e quantità delle viste”.

Maurizio Milardi fa parte dell’associazione Spazio Futuro, con sede in Umbria e presieduta da Concetta Marino: “Grazie al supporto di tutto lo staff, composto da circa 10 persone, abbiamo deciso di tornare in Abruzzo. Fui proprio io, per primo, a portare in questa regione iniziative del genere”.

Commenta:
 

Autore dell'articolo: Redazione